LA MIA INIZIAZIONE SESSUALE


Anonimo
Scrivere un racconto erotico è un’esperienza che non avrei mai pensato di vivere, ma come nella vita non si può dire che non berrò mai da quest’acqua, dai.
Come ogni buona storia, per quanto vera, avrà sempre un tocco di fantasia e immaginazione. Il mio non sarebbe stato diverso, ma ho mantenuto l’intera realtà, cercando solo di ravvivare alcuni fatti senza distorcere il contenuto. L’obiettivo è parlare dei miei primi momenti di esperienza sessuale. Fino all’età di 21 anni ero vergine, pura e casta. Pensavo che se mi avessero toccato avrei potuto smettere di essere vergine, cosa che sarebbe accaduta solo quando mi fossi sposata o avessi amato davvero qualcuno. Volevo che la vita non fosse così.
Sono un’insegnante e all’epoca lavoravo in una grande scuola della mia città, dove lavorava un insegnante di educazione fisica che mi deliziava per il modo in cui trattava i bambini, con grande zelo, affetto e attenzione.
Credo che il mio incanto sia stato percepito dalla maestra, che ha iniziato a flirtare con me, alla quale sono tornato sempre più coinvolto.
Siamo usciti una prima volta e lui, con tutta la gentilezza e il rispetto, non ha nemmeno provato a baciarmi. Non so se quella fosse una strategia, so solo che mi sentivo sempre più incantato e attratto.
La seconda volta che siamo partiti, le cose hanno iniziato a cambiare. Quando abbiamo finito di cenare, prima di tornare a casa, ci siamo fermati in spiaggia per vedere una gara in acqua e il nostro primo bacio rotolato, che mi ha reso completamente eccitato e con la mia figa completamente fradicia. Come se non bastasse, ha iniziato a tormentarmi, passandomi le mani sulle cosce, succhiandomi il seno e toccandomi una siririca.
Penso che, rendendosi conto che ero molto eccitato, anche dalla quantità di liquido nella mia figa, ha tirato fuori il suo cazzo e mi ha indirizzato alla mia prima sega della vita. Vedendo che non avevo reazioni opposte e che ero totalmente a suo agio, mi mise una mano sulla testa e la spinse delicatamente verso il suo cazzo, pagai il mio primo pompino.
Non ci volle molto e sentii il suo sperma caldo e viscido riempirmi la bocca.
Avevo paura e non sapevo cosa fare con lo sperma che stava già colando dagli angoli della bocca. Ho tolto la bocca dal suo cazzo e ho alzato la testa pensando di sputarlo tutto.

  • Ingoialo, Carla … ingoia tutto … non buttarlo via! – Mi ha chiesto, molto seriamente, a cosa obbedivo senza fare domande.
    Sono tornato a casa molto confuso. Che ironia! Sono stato casto e puro, non ho nemmeno lasciato che mi mettessero una mano sulla gamba, ero uscito due volte con un ragazzo e avevo già permesso cose che pensavo avrei fatto solo con mio marito o qualcuno che amavo molto, e anche allora di un certo periodo di corteggiamento.
    Il problema è che mi è piaciuto molto giocare con un bastone e ho iniziato a litigare con me stesso.
    Dopo alcuni giorni, mi ha invitato ad accamparci insieme. Sapevo che se avessi accettato avrei perso la verginità e la mia prima reazione fu di dire di no.
    Volevo che la vita fosse diversa e ho preparato una sorpresa per me. Il giorno in cui sarebbe stato il viaggio, che avevo già detto che non sarei andato, mi ero persino accordato con un amico per andare in un altro angolo, mio ​​padre arrivava completamente ubriaco, cosa che accadeva abbastanza spesso. Quindi, per vendicarmi di mio padre, ho deciso di perdere la verginità.
    “Lo farò!”, Ho pensato. Pura puerilità, perché questa vendetta non ha mai scosso mio padre, che non sapeva nemmeno che non ero più vergine. D’altra parte, mi ha scosso molto, perché oltre a perdere qualcosa che amavo così tanto, tutto quello che immaginavo di scopare è andato in malora. L’insegnante, anche se ero già super coinvolto, oltre a non essere sicuro di amarlo, abbiamo avuto pochissimo tempo per la relazione.
    Ho finito per perdere la mia zucca in una tenda da campeggio, senza il romanticismo che volevo avere in quel momento. Non perché fosse in una tenda in mezzo al bosco, tanto meno senza un orgasmo, cosa che all’epoca non pensavo nemmeno fosse per me, ma per come è andata.
    La persona che avevo scelto per questo importante evento non mi ha violentata, ma non è stata attenta in quel momento, provocando un atto brutto, doloroso, spiacevole e piangente il giorno successivo.
    La vita è divertente. Compiamo azioni che non avremmo mai potuto immaginare di vivere come quelle che ho vissuto con questo ragazzo.
    È peggiorato dopo che mi sono rilassato e, anche senza venire, ho iniziato a piacermi lo sballo del cazzo e, ancora di più, con una persona che mi ha appena dato la mano, il suo cazzo si alzava e io, rendendomi conto, avevo già la mia figa inzuppata.
    Penso che a causa di questa lussuria che provava per me, ogni volta che ci incontravamo veniva già con il suo cazzo duro che voleva farmi entrare, il che ha ostacolato molto i preliminari. Nonostante gli succhiava il cazzo ogni volta che ci scopavamo, non mi ha mai succhiato la figa e questo mi ha frustrato un po ‘.
    Con questo insegnante, non solo ho perso la verginità, ma ho vissuto momenti molto pericolosi di lussuria e sesso.

Nonostante viva da solo e abbiamo la struttura per arrampicarci a casa sua, il posto dove scopavamo di più, spesso davanti al suo cane, che era molto arrapato e voleva anche unirsi al divertimento, ogni volta che ci incontravamo cercavamo una breccia e un posto dove scalata.
La lussuria era così grande che non potevamo aspettare fino a quando non fossimo arrivati ​​a casa sua. Quando eravamo vicini alla casa di sua madre e sapevamo che non c’era, era lì che stavamo andando. Scopavamo per strada, dentro la macchina, dove gli succhiavo spesso il cazzo con una coppia di amici dentro, nel bagno di casa di amici che ci invitavano ad alcune feste ea volte alla scuola dove lavoravamo.
Una delle volte in un cubicolo dove si è cambiato i vestiti, che a malapena si muoveva. Ma era lì con molta paura di essere scoperti e molto eccitati.
Quando scopavamo a scuola, ogni volta che tornavo in classe, i bambini, anche se non si rendevano conto di quello che era successo, erano super presi. Penso a causa dell’odore del sesso che ha riempito la stanza a causa dello sperma dell’insegnante che esce dalla mia figa, mi bagna le mutandine e mi scorre lungo le gambe, mescolandosi al flusso dei fluidi vaginali, liberato dall’atto sessuale.
E abbiamo continuato con un animalismo che ci ha fatto masturbare a vicenda, all’ora di pranzo della scuola, nella mensa piena, sotto il tavolo, finché quasi non arrivavo. Lo fece, si divertì molto e me lo stese in mano, senza rumore ed espressione per non attirare l’attenzione. Ma come lo definiresti: solo sesso.
Forse, per il coinvolgimento sessuale che ci ha unito, ho pensato più volte di sposare questo ragazzo, perché è davvero bello vivere queste emozioni con il sentimento insieme al pericolo, alla lussuria e al cuore che batte senza sosta. Poiché ciò non è avvenuto, non abbiamo continuato la nostra avventura.
Non posso dire se sia stato utile per me, perché ha aperto la strada ad altri rapporti sessuali senza l’amore che vorrei avere. Finché, alcuni anni dopo e dopo alcuni partner, sono riuscito a vivere il sesso come sognavo, permettendomi anche di raggiungere l’orgasmo.
https://go.hotmart.com/E45331045P
https://pay.hotmart.com/E45331045P

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair /  Alterar )

Foto do Google

Você está comentando utilizando sua conta Google. Sair /  Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair /  Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair /  Alterar )

Conectando a %s